II Commissione: parere favorevole al regolamento per l’accesso al credito tramite Confidi

24 Aprile 2020News regionali

Ora la delibera sarà approvata dalla Giunta regionale

Nella mattinata di  venerdì 24 aprile 2020, la seconda Commissione “Affari generali”, riunita in videoconferenza in sede consultiva, ha espresso parere favorevole all’unanimità sulla proposta di regolamento per favorire l’accesso al credito delle piccole e medie imprese e dei liberi professionisti per il tramite dei Confidi erogando 5,5 milioni di euro da destinare alla costituzione del fondo rischi previsto all’articolo 3 della legge regionale n. 4/2020 (Prime misure regionali urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all’emergenza epidemiologica da Covid-19).

I Commissari hanno audito il Presidente della Regione, Renzo Testolin, il Direttore della sede di Aosta della Banca d’Italia, Angelica Pagliarulo, nonché i Presidenti di Valfidi, Laurent Vicquéry, Confidi Valle d’Aosta, Pierre Noussan, e Confidi Agricoltori, Giuseppe Balicco.

«Il regolamento è attuativo della legge 4 del 2020 – spiega il Presidente della Commissione, Pierluigi Marquis (SA) – che prevede tre tipologie di intervento per l’accesso al credito: investimenti produttivi e infrastrutturali; fabbisogni di capitale circolante, scorte e liquidità; riequilibrio finanziario per la rinegoziazione dei prestiti esistenti, estinzione di linee di credito e adozione di piani di rientro dell’indebitamento, fatta eccezione per le imprese in difficoltà alla data del 31 dicembre 2019. Con questa proposta di delibera, la Regione, per la costituzione del fondo rischi, assegna 2 milioni 992 mila euro a Valfidi e 2 milioni 508 mila euro a Confidi Valle d’Aosta (le somme sono determinate sulla base dello stock delle garanzie rilasciate a fine 2018). Inoltre, è in previsione la costituzione di un fondo rischi presso i Confidi per un importo di 1,5 milioni da parte della Chambre valdôtaine, con il rilascio di una garanzia del 10%. L’intento è quello di creare una garanzia al 90% dell’importo finanziato.»

«Per i rappresentanti dei Confidi valdostani – aggiunge il Presidente Marquis (SA) – c’è grande aspettativa per questo prodotto volto a favorire l’accesso al credito, che rispetto a quello nazionale presenta l’atout di una durata più ampia dei finanziamenti, pur evidenziando che serviranno ulteriori risorse. I Confidi hanno ribadito la necessità di agire con tempestività perché in due mesi la situazione delle aziende è peggiorata, soprattutto le micro imprese hanno avuto ripercussioni molto forti dall’emergenza sanitaria.»

«Come Commissione – conclude Marquis – abbiamo espresso alcune raccomandazioni al Governo invitandolo a prevedere, oltre alla rendicontazione semestrale da parte di Chambre e Confidi alla Regione, un’informativa costante alla Commissione sulla fruibilità e l’utilizzo di queste risorse, al fine di capire l’andamento di questa misura e nell’ottica di predisporre un terzo provvedimento legislativo anti-crisi.»

Pin It on Pinterest

Share This