Consiglio Regionale – Approvato un disegno di legge di sostegno alle imprese titolari di mutui agevolati

7 Luglio 2021News regionali

Nella seduta del 7 luglio 2021, il Consiglio ha approvato con 21 voti a favore (UV, PCP, AV-SA, VdA Unie) e 14 astenuti (Lega VdA e Pour l’Autonomie), un disegno di legge a sostegno delle imprese titolari di mutui agevolati previsti da leggi regionali, in relazione all’emergenza epidemiologica da Covid-19, iscritto in via d’urgenza in Aula.

L’Assessore alle finanze, Carlo Marzi, ha osservato: «Oggi chiudiamo un ciclo: siamo partiti ad aprile con un disegno di legge che, con criteri assolutamente diversi rispetto al passato, ha proposto una moratoria dei mutui presso Finaosta, possibile solo se rivolta a chi molto in difficoltà per la pandemia. La scelta di questo Consiglio è stata di emergenza e forza, e i riscontri positivi stanno arrivando: il 22% delle pratiche di mutuo di imprese è stato oggetto di richiesta di moratoria. Rispetto alle posizioni di mutui per i privati, le risposte sono ancora più positive: solo il 4% è stato oggetto di richiesta di moratoria e questo permette anche di poter continuare a finanziare mutui con i fondi derivanti dal pagamento delle rate. Da subito, però, l’Aula ha manifestato l’opportunità di intervenire per quelle 76 pratiche escluse dalla moratoria, inserite a credito deteriorato. Siamo intervenuti per 25 di queste e ci siamo impegnati per le 51 pratiche a imprese che si trovavano invece in situazioni di rate non pagate. Oggi arriviamo alla conclusione, perché questo disegno di legge rappresenta il massimo che il Consiglio può fare dando un mandato a Finaosta. Pensando all’emergere di nuovi soggetti in difficoltà a partire dal 2022, la valutazione da fare non è solo legata al credito deteriorato, ma va ipotizzato il fatto di dare mandato a Finaosta per rendere continuativo il rapporto con i soggetti in difficoltà, facendo in modo che la Finanziaria regionale diventi ancora più proattiva per il prossimo futuro. Solo collaborando tutti e facendo azioni finanziarie equilibrate possiamo portare avanti azioni di sostegno mirate. Non ci possiamo più permettere infatti azioni massive e rivolte a tutti senza distinzioni.»

Pin It on Pinterest

Share This